Auguste Raffet

1804 - 1860

Auguste Raffet

ID: 5301

Quotazioni

A (autografo): S3 (da 501 a 1000 €)

AML (lettera manoscritta firmata): S4 (da 1001 a 3000 €)

APL (autografo su foto o libro): S3 (da 501 a 1000 €)

Quotazioni indicative.

Autografi

Denis Auguste Marie Raffet (2 MARZO 1804 – 16 Febbraio 1860) è stato un illustratore francese e lithographer . Era uno studente di Nicolas Toussaint Charlet , ed è stato un pittore retrospettiva del dell’Impero .

Raffet è nato a Parigi.

In giovane età fu apprendista presso un tornitore di legno, ma ha assunto lo studio dell’arte a corsi serali. Conobbe Alexandre Cabanel , che ha fatto di lui applicare la sua abilità per la decorazione della porcellana , e con Rudòr , dalla quale ha ricevuto istruzioni in litografia, nella pratica di cui è stato a salire alla fama. Poi entrò nella École des Beaux-Arts , ma ritornò definitivamente alla litografia nel 1830 quando ha prodotto su pietra i suoi famosi disegni di Lützen , Waterloo, Le bal , La revue , e Les adieux de la guarnigione , con la quale la sua fama divenne immediatamente stabilito .

Opere principali di Raffet erano le sue litografie delle campagne napoleoniche, dall’Egitto a Waterloo , disegni vigorosi che si ispirano ardente entusiasmo patriottico. In questo sforzo, era un contemporaneo di altri artisti-litografi francesi di Napoleone e l’esercito francese, tra cui Hippolyte Bellangé , Horace Vernet , e Nicolas Toussaint Charlet. Come illustratore sua attività fu prodigiosa, l’elenco delle opere illustrate con la sua matita per un importo di circa quarantacinque anni, tra i quali sono Béranger poesie ‘s, la Storia della rivoluzione da Adolphe Thiers , la Storia di Napoleone da de Norvins , il grande Walter Scott da Auguste Defauconpret , i francesi Plutarco e Frédéric Berat s’ Songs .

Si recò a Roma nel 1849, era presente durante l’assedio di Roma, che ha fatto oggetto di alcune litografie, e seguì la campagna italiana del 1859, di cui ha lasciato un record nella sua episodi de la campagne d’Italie de 1859 . I suoi ritratti a matita e acquerello sono pieni di carattere. Morì a Genova nel 1860. Nel 1893 un monumento di Emmanuel Frémiet stata lanciata sul Jardin de l’Infante al Louvre , Parigi. La statua è stata rimossa e fusa durante l’occupazione nazista di Parigi.

Translate