Vincent de Paul

1581 - 1660

Vincent de Paul
Nazione: Francia
Settore: Letteratura

ID: 559

Quotazioni

A (autografo): S3 (da 501 a 1000 €)

AML (lettera manoscritta firmata): S4 (da 1001 a 3000 €)

APL (autografo su foto o libro): S3 (da 501 a 1000 €)

Quotazioni indicative.

Vincente de Paul (24 apr 1581 – 27 Settembre 1660) è stato un prete francese cattolico che si è dedicata al servizio dei poveri. E’ venerato come un santo nella Chiesa cattolica e anglicana.Fu canonizzato nel 1737. E’ famoso per la sua compassione, umiltà e la generosità ed è conosciuto come il “Grande Apostolo della Carità”.

La vita

Vincent è nato nel 1581 nel villaggio di Pouy in Guascogna, in provincia di Guyenne, Regno di Francia, genitori da contadini. Aveva tre fratelli, Jean, Bernard, Gayon, e due sorelle – Marie e Marie-Claudine. In giovane età, ha mostrato un talento per la lettura e la scrittura, ma durante la sua infanzia, ha lavorato come pastore di bestiame nella sua famiglia. A 15 anni, il padre lo mandò in seminario, riuscendo a pagare le rette con la vendita del buoi della famiglia.

L’interesse di Vincent nel sacerdozio in quel momento, era in gran parte dato dall’intento di stabilire una carriera di successo e di ottenere dei benefici, con cui avrebbe potuto andare in pensione presto e sostenere la famiglia.

Per due anni, Vincent riceve la formazione presso una scuola media in Dax, annessa ad un monastero di frati minori, dove lui e altri ragazzi risiedevano. Nel 1597  inizia gli studi presso la Facoltà di Teologia  nell’ Università di Tolosa . L’atmosfera presso l’università era tutt’altro che pia o favorevole alla contemplazione spirituale. Scoppiarono combattimenti tra le varie fazioni di studenti che culminarono in una battaglia armata. Nel corso dei disordini, un ufficiale viene ucciso da due studenti. Nonostante tutto, Vincent continua i suoi studi. E ‘ ordinato il 23 settembre del 1600 a diciannove anni a Château-l’Évêque, nei pressi di Périgueux . Questo era contro le regole stabilite dal Concilio di Trento, che richiedeva minimo 24 anni anni per l’ordinazione. Piuttosto che rispondere ad una causa in cui avrebbe probabilmente perso, si rimise a studiare. Il 12 ottobre 1604 riceve il suo “Bachelor of Theology” presso l’Università di Tolosa. In seguito consegue la Licenza in Diritto Canonico dall’Università di Parigi .

Rapimento e riduzione in schiavitù

Nel 1605, Vincent salpò da Marsiglia sulla via del ritorno da Castres dove era andato a vendere alcune proprietà che aveva ricevuto in eredità da un mecenate ricco di Tolosa , fu fatto prigioniero dai pirati che lo portarono a Tunisi . Verrà venduto all’asta come schiavo al miglior offerente e trascorre due anni in schiavitù.

Il suo primo maestro è  un pescatore, ma Vincent soffre il mar di mare, quindi tutta l’attrezzatura viene venduta. Il suo successivo padrone è un spagirico, alchimista e inventore. Si affascina a queste sue arti egli viene  insegnato come preparare e somministrare rimedi di questo tipo. A quel tempo, la medicina era molto più avanzata nei paesi musulmani che in Europa, dove esistevano molti ciarlatani, fatta eccezione per gli erboristi e guaritori tradizionali la cui conoscenza delle proprietà medicinali delle piante, funghi e minerali era stata tramandata attraverso le generazioni. Questi guaritori tradizionali, che non avevano alcuna istruzione formale, erano stati quasi completamente oscurati dalla pseudo-scienza del “dotti”.

La fama di maestro di Vincent è diventa così grande, che ha attira l’attenzione di alcune persone, che ne viene richiesto il suo aiuto a Istanbul. Durante il tragfitto, il suo vecchio padrone muore.Il nuovo è un ex sacerdote francescano di Nizza: Guillaume Gautier. Si era convertito all’Islam per ottenere la sua libertà dalla schiavitù e viveva in montagna con tre mogli. La seconda moglie, musulmana di nascita, incuriosita dalla fede di Vincent lo interroga nei campi. Si convinse che la sua fede è vera, per cui ammonisce il marito e gli chiede di tornare cristiano. Vincent decide di scappare e di tornare di nuovo in Francia con il suo schiavo. Deve aspettare dieci mesi nascosto a bordo di un piccola barca che attraversa il Mediterraneo, per poi sbarcare a Aigues-Mortes , il 28 giugno 1607.

Ritorno in Europa

Dopo il ritorno in Francia, Vincent si reca a Roma. Continua gli studi fino al 1609, quando viene inviato di nuovo in Francia per una missione per il  re Enrico IV. Una volta a Parigi, incontra Pierre de Bérulle. André Duval, della Sorbona lo presenta a Canfield.

Nel 1612 viene ordinato parroco alla chiesa di Saint-Medard a Clichy. In meno di un anno Bérulle lo richiama a Parigi come cappellano e precettore della famiglia. In realtà predica con la missione di aiutare vi poveri contadini.

Fondazione della congregazione religiosa

Nel 1617, Vincent fonda la “Ladies of Charity” ( in francese: Dames de la Charité ) con un gruppo di donne all’interno della sua parrocchia. Con queste donne ricche di Parigi raccoglie fondi per i progetti missionari, ospedali, e raccogliere fondi in soccorso alle famiglie delle vittime di guerra del Nord Africa.

Nel 1622 Vincent viene nominato cappellano delle galere. Dopo aver lavorato per qualche tempo a Parigi tra i galeotti,  torna ad essere il leader di quella che oggi è conosciuta come la Congregazione della Missione. Questi sacerdoti, con i voti di povertà, castità ed obbedienza dovevano dedicarsi interamente alle persone meno abbienti dei villaggi più piccoli.

Vincent è stato zelante nel condurre i ritiri per il clero in un momento in cui c’era grande lassismo e molta ignoranza. E ‘stato un pioniere nel campo della formazione del clero ed è anche stato determinante nello stabilire nuovi seminari. Trascorre ventotto anni come il direttore spirituale del convento di Santa Maria degli Angeli.

Vincent muore a Parigi il 27 settembre 1660.

La maschera di cera di Vincent de Paul

La maschera di cera di Vincent de Paul

Venerazione

Nel 1705, il superiore generale dei Lazzaristi chiede che venga istituito il processo di canonizzazione. Il 13 agosto 1729 viene dichiarato beato da Papa Benedetto XIII  e viene canonizzato quasi otto anni dopo da papa Clemente XII il 16 giugno 1737.

Il corpo di Vincent è riesumato nel 1712, 53 anni dopo la sua morte. Il resoconto scritto di un testimone oculare afferma che “solo gli occhi e il naso mostrano una certo decadimento”. Tuttavia, quando è stato riesumato di nuovo durante la canonizzazione nel 1737, il corpo non è comunque in buono stato. Le sue ossa vengono racchiuse in una figura di cera inserita in una teca di vetro nella cappella della sede dei padri Vincenziani a Parigi. Il suo cuore è ancora intatto e può essere visto in una teca nella cappella della Casa Madre delle Figlie della Carità a Parigi.

La maschera di cera e le mani stringono le ossa di Vincent.
Nel 1737 viene inserito il suo giorno di festa nel calendario romano, più precisamente il 19 luglio, questo perché il giorno della morte è già stato già utilizzato per la festa dei Santi Cosma e Damiano.

E’ festeggiato il 27 settembre dalla Chiesa d’Inghilterra e la Chiesa Episcopale (USA).

 

 

Translate