Ferdinando V d’Aragona

1452 - 1516

Ferdinando V d’Aragona
Nazione: Spagna
Settore: Storia

ID: 1971

Quotazioni

A (autografo): S3 (da 501 a 1000 €)

AML (lettera manoscritta firmata): S4 (da 1001 a 3000 €)

APL (autografo su foto o libro): S3 (da 501 a 1000 €)

Quotazioni indicative.

Ferdinando di Trastàmara, detto Ferdinando il Cattolico, Fernando o Fernán in spagnolo (Sos, 10 marzo 1452 – Madrigalejo, 23 gennaio 1516), è stato Re di Sicilia come Ferdinando II dal 1468 al 1516, poi re consorte di Castiglia dal 1474 al 1504 come Ferdinando V, poi re di Aragona, Valencia, Sardegna, Maiorca e re titolare di Corsica, Conte di Barcellona e delle contee catalane dal 1479 al 1516, poi re di Napoli come Ferdinando III dal 1504 al 1516, poi reggente di Castiglia dal 1507 al 1516 e poi re dell’Alta Navarra dal 1512 al 1516.

Origini familiari

Figlio secondogenito (ma unico maschio) del principe di Castiglia e León e d’Aragona, re di Navarra e futuro re della corona d’Aragona e di Sicilia, Giovanni II, e della sua seconda moglie, Giovanna Enríquez, Ferdinando era fratellastro dei re e regine di Navarra, Carlo IV (Solo de jure), Bianca (Solo de jure) ed Eleonora.

Biografia

Al momento della sua nascita, la madre che si trovava in Navarra, si trasferì oltre il confine, per farlo nascere in Aragona. In quello stesso anno (1452), suo padre vinceva la battaglia di Aibar, contro il figlio (fratellastro di Ferdinando), Carlo di Viana, a cui aveva usurpato il trono di Navarra, obbligandolo ad andare in esilio a Napoli, dallo zio e fratello di Giovanni, il re della corona d’Aragona e di Napoli, Alfonso V. Morto Alfonso V, nel 1458, Giovanni divenne Giovanni II, re della corona d’Aragona, mentre Carlo, riappacificato col padre, rientrò in Navarra, dove, appena rientrato (1459), intavolò trattative per unirsi in matrimonio con la sorellastra del re di Castiglia, Enrico l’Impotente, Isabella di Castiglia; ma Giovanni e soprattutto la matrigna, Giovanna Enríquez, si opposero perché nelle loro intenzioni Isabella avrebbe dovuto sposare il loro figlio Ferdinando, di sette anni.

Carlo, nel 1460, fu arrestato e tenuto in prigione finché le cortes catalane si riunirono il 25 febbraio del 1461 e decretarono che Giovanni dovesse liberare il figlio, cosa che egli fece immediatamente, ed inoltre gli imposero il concordato di Villafranca, del 21 giugno 1461, in cui Carlo risultava essere il re legittimo di Navarra, luogotenente della Catalogna ed erede della corona d’Aragona. Carlo però, il 23 settembre di quello stesso anno, morì, circa tre mesi dopo avere ottenuto ciò che gli spettava. La sua morte però fu attribuita alla regina Giovanna, che lo avrebbe fatto avvelenare per agevolare suo figlio, Ferdinando, che immediatamente fu nominato luogotenente della Catalogna ed erede della corona d’Aragona.

Giovinezza e Guerra civile catalana

Ferdinando e la madre, la regina Giovanna, che si trovavano in Catalogna quando le cortes catalane dichiararono che il re e la regina non dovevano entrare in Catalogna senza il permesso delle cortes stesse, si rifugiarono nel castello di Girona. All’inizio del 1462 i realisti catalani si raccolsero in armi e il re Giovanni chiese, col trattato di Bayonne del maggio 1462, al re di Francia, Luigi XI, l’aiuto dell’esercito francese (in cambio delle contee del Rossiglione e della Cerdagna) mentre le cortes catalane o Generalitat (Diputación General) organizzavano un esercito, che si diresse su Gerona dove si trovava la regina Giovanna. Quest’ultima, assediata nella città, la difese molto coraggiosamente assieme ai suoi sostenitori, tanto da permettere l’intervento del re Giovanni che col suo esercito obbligò i catalani a togliere l’assedio.

Mentre il re Giovanni organizzava il suo esercito composto da aragonesi, catalani e francesi, per schiacciare la rivolta, la Generalitat (le cortes catalane) emanò un decreto che dichiarava sia Giovanni che la regina nemici della Catalogna. Nel frattempo, per sostituire Giovanni, cercava un sovrano a cui offrire la corona del regno di Aragona, tra i discendenti degli aspiranti alla corona d’Aragona vacante alla morte del re Martino I di Aragona, nel 1410, che poi fu deciso da un arbitrato, che portò al Compromesso di Caspe, del 1412. La Generalitat offrì il trono prima (1462) al re di Castiglia, Enrico IV, poi (1463) al conestabile del Portogallo, Pietro ed infine (1466) al conte di Provenza, Renato d’Angiò, e la guerra si protrasse per dieci anni sino al 1472.

Guerra civile Castigliana

Madonna dei Re Cattolici, pittura del 1490-95; Ferdinando II ed il principe Giovanni alla destra della Madonna e Isabella alla sinistra.

Madonna dei Re Cattolici, pittura del 1490-95; Ferdinando II ed il principe Giovanni alla destra della Madonna e Isabella alla sinistra.

Il matrimonio fra Ferdinando e Isabella non fu approvato da Enrico IV, che ritrattò la designazione a erede del trono di Castiglia della propria sorellastra, Isabella e giurò pubblicamente, assieme alla moglie, che Giovanna la Beltraneja era sua figlia legittima e la proclamò erede al trono, con la Cerimonia de la Val de Lozoya, un prato vicino a Buitrago. Alla morte del fratellastro Enrico IV nel 1474 Isabella il 13 dicembre fu proclamata regina di Castiglia e Ferdinando divenne re consorte con il nome di Ferdinando V di Castiglia, mentre la Beltraneja, che ugualmente reclamava la corona di Castiglia, era stata promessa ad Alfonso V del Portogallo.

Immediatamente il re del Portogallo, Alfonso V, dichiarato re di Castiglia e León dai partigiani della moglie, nonostante che Isabella fosse già stata incoronata regina col marito Ferdinando, invase la Castiglia (estate del 1475), per difendere i diritti di sua moglie; lo scontro decisivo avvenne nei pressi di Toro, la città in cui si era insediata e dove teneva la corte Giovanna la Beltraneja; il 1º marzo 1476, nella battaglia di Toro, Ferdinando, comandante dell’esercito castigliano, mise in fuga Alfonso che, vedendo che i suoi sostenitori in Castiglia diminuivano, si ritirò in Portogallo con la moglie, che era scortata dal figliastro, Giovanni, erede al trono del Portogallo.

La pace fu siglata ad Alcáçovas (Viana do Alentejo), il 4 settembre del 1479, dal figlio Giovanni, in quanto Alfonso V si era da tempo ritirato nel convento di Varatojo a Torres Vedras; il trattato venne controfirmato dai re Cattolici a Toledo nel marzo del 1480. Con esso il sovrano del Portogallo Alfonso V e la moglie Giovanna rinunciavano ad ogni pretesa sul regno di Castiglia e sulle isole Baleari e sulle isole Canarie mentre i regni di Castiglia e Aragona rinunciavano a Madera, alle Azzorre e alle isole di Capo Verde ed inoltre lasciavano al Portogallo tutte le terre a sud del Capo Bojador.

Governo di Castiglia e d’Aragona e conquista del regno di Granada

Alla morte del padre, il 20 gennaio 1479, Ferdinando oltre che re di Sicilia, era divenuto re di Aragona (Ferdinando II) e, nello stesso anno, fu decretata l’unione de facto della Castiglia con la Corona d’Aragona, ma mentre in Aragona Ferdinando governava da solo, in Castiglia a Isabella, per il contratto di Matrimonio (capitulaciones), era riservata l’amministrazione mentre la giustizia era amministrata congiuntamente, se si trovavano entrambi nello stesso posto; le ordinanze reali venivano firmate da entrambi; le monete recavano insieme le due effigi ed i sigilli reali portavano le armi delle due casate; infine Ferdinando, chiamato anche Ferdinando V di Castiglia si occupava della politica estera. Raramente Ferdinando rientrò in Aragona, di fatto svolse tutte le sue attività in Castiglia.

A partire dal 1481 Ferdinando si occupò della conquista del regno dei Nasridi del Sultanato di Granada, dove Ferdinando mise in mostra le sue doti di diplomazia e le sue attitudini militari, già dimostrate nella guerra civile castigliana. La guerra fu una guerra d’assedio ed ebbe successo anche per le riforme che Ferdinando apportò al suo esercito, le varie città di Ronda, Loja, Malaga, Baza caddero una dopo l’altra e terminò nel 1492, con la capitolazione dell’ultimo ridotto musulmano della penisola iberica, la città di Granada, il 2 gennaio 1492. Sullo slancio della vittoria, Ferdinando conquistò in seguito anche Melilla e le Canarie. dopo la caduta di Granada, il papa Innocenzo VIII conferì a Isabella ed al marito Ferdinando il titolo di “Maestà cattolica”. Da allora, Ferdinando e Isabella furono chiamati “los Reyes Católicos”. In cambio, Isabella fece omaggio al successore, lo spagnolo Alessandro VI Borgia, del primo oro arrivato dalle Americhe, del quale fu rivestito il soffitto di Santa Maria Maggiore.

La disputa con il Portogallo

Cristoforo Colombo aveva sottoposto il suo piano di circumnavigare la terra, per arrivare in India, al re del Portogallo, Giovanni II, ma quest’ultimo non aveva buoni motivi per ritenere che il progetto da lui seguito di doppiare l’Africa avrebbe portato a risultati sicuri, per cui le Americhe furono scoperte per conto dei re cattolici di Castiglia e Aragona. Ma al ritorno di Colombo dopo il primo viaggio, Giovanni II ebbe il sospetto che, secondo il trattato di Toledo del 1480, la scoperta fosse avvenuta nella zona di influenza del Portogallo, che intendeva inviare nelle terre scoperte delle caravelle.
Ferdinando II di Aragona propose di risolvere la questione con un negoziato, ma, prima di iniziarlo, convinse papa Alessandro VI Borgia, spagnolo di nascita, a emettere una bolla (Inter Caetera, 4 maggio 1493), secondo la quale tutte le terre a ovest e a sud di una linea tracciata a cento leghe dalle isole del Capo Verde alle Azzorre, sarebbero state della Spagna. Il 26 settembre, il papa emise una nuova bolla ancora più penalizzante per il Portogallo. Giovanni II alla guerra preferì la trattativa, che portò al Trattato di Tordesillas (firmato a Tordesillas, in Castiglia, il 7 giugno 1494) che divise il mondo al di fuori dell’Europa in un duopolio esclusivo tra la Spagna ed il Portogallo. Il trattato venne ratificato dalla Spagna il 2 luglio, e dal Portogallo il 5 settembre 1494.

Reggente in Castiglia e conquista dell’Alta Navarra

Alla morte di Isabella avvenuta il 26 novembre 1504 l’erede legittima al trono sarebbe stata la figlia terzogenita Giovanna di Castiglia e la reggenza venne rivendicata sia dal marito, Filippo il Bello che dal padre Ferdinando. Poi, pur essendo stati unificati, i regni di Castiglia e di Aragona, anche de jure, dando vita al Regno di Spagna, i due si accordarono per un governo separato: in Castiglia Filippo, in Aragona, che comprendeva anche il Regno di Napoli e quello di Sicilia, Ferdinando, che si stabilì a Napoli. Nel 1506 Filippo il Bello morì e dopo un breve periodo di reggenza del cardinale Francisco Jiménez de Cisneros, Ferdinando fu chiamato dalle cortes castigliane a tenere la reggenza di Castiglia per conto della figlia, Giovanna, il cui stato mentale era ulteriormente peggiorato.

L’anno prima (1505), Ferdinando aveva sposato Germana de Foix, la figlia secondogenita dell’infante di Navarra, visconte di Narbona e conte di Étampes, Giovanni e di Maria d’Orléans. Germana era perciò cugina dei re di Navarra Francesco Febo e Caterina, da parte di padre e quindi era nipote di Luigi XII di Francia, da parte di madre. Questo matrimonio fu il frutto dell’alleanza tra Ferdinando e il padre di Germana, Giovanni, che, durante la guerra civile di Navarra (1484-1494), aveva avuto il supporto del re della Corona d’Aragona. Nel 1507, Ferdinando iniziò una guerra di conquista nel Nordafrica, e le truppe spagnole conquistarono Peñón de Vélez de la Gomera, nel 1508, Orano, nel 1509, Béjaïa, nel 1510, che portò alla sottomissione di Algeri e al riconoscimento della sovranità spagnola da parte dei re di Tunisi e di Tlemcen, ed infine, nel 1511, fu conquistata Tripoli.

Però, nello stesso anno, la successiva sconfitta spagnola all’isola di Gerba fermò l’avanzata spagnola per diversi anni. Nel novembre 1511 Ferdinando e Enrico VIII nella prospettiva di costituire la Lega Santa firmarono il Trattato di Westminster che stabiliva un patto di mutuo soccorso contro il nemico comune, la Francia. Ferdinando, re d’Aragona e reggente di Castiglia, venne a conoscenza del fatto che, nel 1512, Caterina di Navarra ed il marito, Giovanni d’Albret, a Blois, avevano siglato un patto col re di Francia, Luigi XII. Questo patto prevedeva una clausola segreta che vietava il passaggio delle truppe castigliane sul suolo navarrese.

Ferdinando chiese il permesso di passaggio sul suolo navarrese per attaccare la Francia; ottenuto un rifiuto, dichiarò guerra a Caterina, il 25 luglio 1512 l’esercito castigliano entrava in Pamplona ed in capo a due mesi la Navarra a sud dei Pirenei era conquistata. L’entrata delle truppe spagnole in Navarra era stata preceduta da una bolla di papa Giulio II, che scomunicava Caterina e Giovanni e li privava dei loro titoli e dei loro territori. Una seconda bolla del 18 gennaio 1513 confermava la scomunica e assegnava i territori a chiunque li avesse conquistati (cioè Ferdinando II). Sembra che le intenzioni di Ferdinando non fossero di annettere la Navarra al regno di Spagna, ma finita la disputa con la Francia, di restituirla a Caterina, ed in quell’ottica propose un matrimonio tra il principe di Viana, Enrico II di Navarra, erede al trono di Navarra e una principessa di Spagna. Caterina ed il marito non solo rifiutarono ma fecero arrestare l’ambasciatore spagnolo, che fu consegnato ai francesi. Solo allora Ferdinando procedette all’annessione. Di fatto il regno di Navarra era stato diviso in due parti:

la Bassa Navarra, la parte del regno a nord dei Pirenei che rimase in possesso della regina Caterina e continuò ad essere legata alla Francia
l’Alta Navarra, la parte del regno a sud dei Pirenei che fu annessa alla corona d’Aragona e il 23 marzo 1513, le cortes di Pamplona dichiararono l’annessione al regno d’Aragona e poi, nel 1515, le cortes castigliane, a Burgos, dichiararono l’Alta Navarra parte del regno castigliano, la nascente Spagna.
Comunque il regno di Navarra mantenne le sue leggi e le sue autonomie, almeno sino al XVIII secolo, nell’ambito del regno di Spagna.

La morte

Ferdinando morì il 25 gennaio del 1516, gli successe il nipote Carlo di Gand con il titolo di Carlo I di Spagna e in seguito Carlo V Imperatore del Sacro Romano Impero. Attualmente Ferdinando è sepolto nella Cappella reale di Granada, un fastoso sepolcro che fu profanato durante l’Invasione Francese del 1800, nel centro della città, costruito dal nipote Carlo di Gand, re di Spagna con il titolo di Carlo I. Nel sepolcro si trovano anche la moglie Isabella di Castiglia, la figlia Giovanna la Pazza con suo marito, Filippo il Bello, la figlia prediletta di Isabella, Isabella, regina del Portogallo col figlioletto Michele della Pace d’Aviz. Nel museo della Cappella Reale si trovano la corona e lo scettro della regina Isabella.

Ascendenza

ferdinando II

 

 

 

Translate