Filippo II di Savoia

1443 - 1497

Filippo II di Savoia
Nazione: Svizzera
Settore: Storia

ID: 2199

Quotazioni

A (autografo): S4 (da 1001 a 3000 €)

AML (lettera manoscritta firmata): S5 (da 3001 € e oltre)

APL (autografo su foto o libro): S4 (da 1001 a 3000 €)

Quotazioni indicative.

Filippo II di Savoia, detto inizialmente Filippo senza Terra (Ginevra, 5 febbraio 1443 – Chambéry, 7 novembre 1497), capostipite della cosiddetta Branca di Bresse o Ramo della Bressa, fu Signore del Bugey, poi Duca di Savoia, Principe di Piemonte e Conte d’Aosta, Moriana, Nizza e Bresse dal 1496 al 1497.

Fu anche Re Titolare di Cipro e Gerusalemme.

Fu il figlio maschio sestogenito del duca Ludovico di Savoia (1415 – 1465) e di Anna di Lusignano.

Fu detto inizialmente Filippo senza Terra perché non gli venne assegnata alcuna terra in appannaggio fino a tarda età. Brigò contro la cognata Iolanda di Valois per ottenere la reggenza del ducato sabaudo, ereditato dai nipoti minorenni, finché non si estinse la discendenza dei suoi fratelli e poté aspirare lui stesso al trono ducale.

Biografia

La vita politica

Filippo crebbe alla corte del cognato Luigi XI di Francia, ma gli si ribellò quando capì che, con la complicità del cancelliere dei Savoia, Giacomo Valperga, il re cercava di annettersi il Ducato di Savoia; Filippo fece giustiziare il cancelliere per il suo tradimento e perciò fu catturato e fatto imprigionare dal re di Francia, nel castello di Loches, per breve tempo (1464).

Nel 1467, a nome del fratello Amedeo, firmò la Pace di Ghemme insieme al Duca di Milano Galeazzo Maria Sforza, trattato che sancì la fine delle rispettive ostilità fra i due ducati.

Alla morte di Amedeo IX di Savoia nel 1472, Filippo per molti anni contese a sua cognata Iolanda di Valois la reggenza del ducato, ereditato dai giovani nipoti Filiberto I e Carlo I, finché non riuscì a ottenerla nel 1481. Nel 1494 accompagnò re Carlo VIII nella spedizione contro il reame di Napoli e, dopo la ritirata alla testa dei francesi, difese Novara contro l’esercito milanese di Ludovico il Moro.

Con la morte del piccolo nipote Carlo Giovanni (1496) si estinse la linea dinastica del duca Amedeo IX di Savoia (1435 – 1472) (il cosiddetto primo Ramo ducale), perciò ereditò il trono proprio Filippo, in quanto fratello ancora in vita dello stesso Amedeo IX. Con lui ebbe quindi inizio il secondo ramo ducale dei Savoia, o Ramo della Bressa (detto anche Branca di Bresse).

Filippo II morì a Chambéry dopo appena 18 mesi di regno e fu sepolto all’Abbazia di Altacomba. Oggi, però, vi sussistono le sole pietre
tombali del conte, da quando l’abbazia fu occupata dai giacobini, che forzarono la sua tomba e distrussero i resti, insieme a quelli di altri Savoia.

Matrimoni e figli

Nel 1472 Filippo sposò Margherita di Borbone (1438 – 1483), figlia del duca Carlo I di Borbone e Agnese di Borgogna; da questa sua prima moglie ebbe:

Luisa (1476 – 1531), che fu sposa di Carlo di Valois-Angoulême (1459 – 1496) duca d’Angoulème e fu madre del re Francesco I di Francia
Girolamo (1478), morto poco dopo la nascita;
Filiberto (1480 – 1504), detto il Bello, suo successore diretto.
Nel 1485 Filippo si risposò con Claudina di Brosse (1450 – 1513), morta in odore di santità; da lei ebbe:

Carlo (1486 – 1553), detto il buono, successore del fratellastro Filiberto sul trono del ducato;
Luigi (1488 – 1502), prevosto del Gran San Bernardo
Filippo (1490 – 1533), conte del Genevese poi duca di Nemours, sposo nel 1528 di Carlotta d’Orleans (1512 – 1549) e dal quale discese la linea dei duchi di Nemours;
Assalone (1494), deceduto poco dopo la nascita;
Giovanni Amedeo (1495), deceduto poco dopo la nascita.
Filiberta (1498 – 1524) che nel 1515 sposò Giuliano de’ Medici duca di Nemours, fratello di papa Leone X;
Ebbe inoltre vari figli illegittimi:

da Libera Portoneri:
Renato di Savoia, conte di Villars (1468 – 1525), che sposò Anna Lascaris di Tenda (1487 – 1554) e che diede quindi inizio alla linea dinastica dei Villars-Tenda, estintasi poi nel 1751.
Antonietta († 1500), andata sposa nel 1486 a Giovanni II Grimaldi (1468 – 1505);
Pietro, vescovo di Ginevra.
da Bona di Romagnano ebbe:
Claudina († 1528), andata sposa nel 1514 a Giacomo III († 1531), conte di Horn;
Margherita, andata sposa al conte Costa di Chieri;
Giovanna
Michele, prete.

Ascendenza

 

filippo II di savoia

 

 

 

Translate